11 settembre I’m American


Una tragedia non solo americana ma mondiale anche se l’America ha pagato il prezzo più alto di vite umane.
Essere a New York a dieci anni dall’attacco terrorista mi emoziona intensamente ed essere stata a Ground Zero (Sacred Ground per gli americani), proprio oggi, mi lascerà un ricordo forte come quando, per la prima volta, ho visto le Torri Gemelle, bellissime, maestose, solenni,  un’opera d’arte geniale.
Le ho viste dal basso, rivolte al cielo, e poi dall’alto, dall’ultimo piano, con la vista mozzafiato al di sotto.
Ed erano la mia bussola. Se mi smarrivo, non sapendo se  la direzione presa era quella giusta,  bastava cercarle e capire la strada.
Ricordo la commozione di allora, la stessa di oggi. Oggi, con il vuoto incolmabile che hanno lasciato.
Non ci sarà niente che potrà riempire quell’inquietudine, quel vuoto spettrale, quell’angoscia, quello sgomento.
Non voglio descrivere ciò che tutte le televisioni del mondo, la stampa, le riviste hanno descritto di questa ricorrenza ma solo commentare con le mie foto, in silenzio, quello che ho visto e percepito.


E ora, un video che mi ha inviato Ron, il mio american english coach. E’ in inglese,  ma sono le immagini che vanno “ascoltate”.

Annunci

Informazioni su Titti

Ho una valigia sempre pronta... Vedi tutti gli articoli di Titti

6 responses to “11 settembre I’m American

  • Moky

    Ho gia’ espresso i miei sentimenti nel mio post. I ricordi sono indelebilmente scolpiti nel mio cuore. Pensa che non ne ho mai nemmeno parlato con i miei figli, quello che sanno degli attacchi lo hanno imparato a scuola. Forse stasera ne parleremo a cena.

    • Titti

      Moky, ho letto il tuo post. E’ vero, il ricordo di quel momento è indelebile. Parlare di quella tragedia con dei bambini e spiegare con chiarezza è molto difficile. Quasi imbarazzante. Sarei curiosa di sapere come avete affrontato l’argomento a cena.

  • ClaudiaNanni-Acquaviva

    ciao cara! Ero curiosa, io non ho da dire nulla. Nè a te nè al mondo. E’ l’uomo che appartiene a questo mondo che genera queste cose…. vorrei solo sapermi staccare da queste brutali immagini….
    ciao e buona NY!

  • Franco

    Concordo con Claudia…è l’uomo che appartiene a questo mondo che genera queste cose.
    Titti posso solo immaginare la tua emozione e le tue foto parlano da sole.

    • Titti

      Franco, purtroppo è proprio così. E’ l’uomo l’artefice di grandezze e bassezze. L’emozione è stata fortissima! Io che amo alla follia New York, vederla ferita in questo modo è stato doloroso. Sì, doloroso. Ground Zero evoca la dannazione, la perdizione. E’ doveroso andarci sia per rendere omaggio sia per vedere da vicino l’annientamento. E’ una lezione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...