Archivi tag: Bagel

NY Bagel


E’ da un po’ che non scrivo e  che non frequento il web salvo qualche incursione  di pochi minuti in FB per pubblicare qualche foto.
E’ un periodo di scarsa, quasi nulla creatività, di indolenza generalizzata, di torpore intellettuale e di disordinate – spesso malinconiche -riflessioni che non portano a nulla.

Questo stato d’animo investe tutti gli ambiti che mi sono congeniali e che, in uno stato d’animo  normale, mi riempiono la vita e danno esplosione alla creatività: inventare o scoprire nuove ricette, creare nuovi gioielli, ascoltare  musica, leggere, avere relazioni, organizzare viaggi e tanto altro ancora. Riesco a malapena a copiare e anche questa volta l’ho fatto con queste bagel.
Le avevo fatte in passato seguendo una ricetta vegan americana ma queste sono migliori, più morbide e saporite. E mi ricordano – aumentando la nostalgia – il periodo vissuto a New York dove le consumavo quasi quotidianamente a colazione, acquistandoli da Whole Food Market, in Union Square.
Il merito è della Capra del blog “La Cucina della Capra” che li ha descritte QUI.

(Tra parentesi, in blu, gli ingredienti della ricetta originale della Capra che ho modificato)

Ingredienti:
500 gr di farine: 250 gr grano duro – 70 gr segale – 80 gr manitoba – 100 gr integrale (500 grammi farina)
50 gr di zucchero integrale di canna
15 gr olio EVO (corrisponde a un cucchiaio da minestra)
1 bustina di lievito secco (1 cubetto di lievito di birra)
2 cucchiaini di sale
semi a piacere (cumino, papavero, sesamo,…)
un cucchiaio di malto d’orzo
250 ml di acqua tiepida (calda)

Procedimento:
Sciogliere il lievito secco e lo zucchero nei 250 ml di acqua tiepida. Aggiungere l’olio e mescolare bene.
In una terrina versare la farina e il sale. Aggiungere la parte liquida alla farina e impastare bene e a lungo.
Lasciare lievitare per 30 minuti in un luogo al riparo dall’aria (io ho lasciato la terrina in forno, senza mai aprirlo).
Trascorso il periodo di lievitazione, riprendere l’impasto e lavorarlo ancora un po’. Nel frattempo portare a bollore una pentola d’acqua.
Mentre l’acqua bolle, formare 12 palline della grandezza di un mandarino (ogni pallina pesava 67 grammi).
Praticare un buco a ciascuna pallina, aiutandosi con il manico di un mestolo di legno e dando loro la forma tipica della bagel, lievemente schiacciata.
Tuffare 4 bagel alla volta nell’acqua bollente, un minuto per lato, aiutandosi con una schiumarola per capovolgerle e, successivamente, per scolarle bene e disporle sulla teglia da forno, rivestita di carta forno.
Pennellare la superficie di ciscuna bagel con il malto diluito in un po’ d’acqua e ricoprire con i semi, a piacere.
Infornare per 20 minuti a 200°. La Capra suggerisce 25 minuti ma il mio forno dopo 20 minuti aveva completato la cottura.
Le proporzioni degli ingredienti sono perfette e, di conseguenza, suggerisco di rispettarle alla lettera.
La riuscita è assicurata! Grazie Capra!
Ho consumato queste delizie a colazione con la crema di nocciole (nocciole pure frullate con il Vitamix) e Nocciolella. E a pranzo con un patè di legumi. Ma seguirò anche il suggerimento di Capra, di consumarli con il caprino vegan.

Ascoltando Etta James in “Purple rain” sperando di risvegliarmi dal torpore e dalla malinconia. Già queste bagel possono aiutarmi….

Annunci